Le famiglie salvano la scuola dai tagli

Da Il Tirreno (edizione di Cecina) del 4 maggio 2009

Alle Guerrazzi 49 docenti, alle Collodi 51, all’istituto Borsi 27.
Villa (Cgil): «Il problema è stato arginato anche dai pensionamenti»
Nessuna riduzione degli insegnanti dopo le richieste dei genitori

squola_rovinaCECINA. Qualcuno avrà tirato un lungo sospiro di sollievo. Per il momento. Sulla base del monte orario scelto dai genitori entro il 28 febbraio, tutte le scuole primarie avevano richiesto gli organici per il prossimo anno all’ufficio scolastico provinciale. La risposta è arrivata in questi giorni. L’organico è il numero degli insegnanti, che in base alle iscrizioni ricevute, viene assegnato a ogni istituto scolastico. Quest’anno, a causa della riforma Gelmini, erano molti i docenti ad aspettare alla finestra notizie da Livorno. Continua a leggere

Annunci

Intervista alla Gelmini: «Docenti, non ci sarà esubero. E daremo più soldi ai migliori»

Da Il Giornale di Vicenza del 19 aprile 2009

Come cambia la scuola

Ecco le risposte del ministro dell’Istruzione: «Il nostro obiettivo fin dall’inizio è stato tagliare gli sprechi e assicurare il necessario,  come ad esempio il servizio mensa: resta»

L’INTERVISTA. II “numero uno” Mariastella Gelmini: «Non c’è da temere: le condizioni di base dell’istruzione primaria non sono modificate»
«Alle superiori in settembre non ci saranno sperimentazioni o “anticipi” della riforma: non hanno senso “prove” a ridosso del cambiamento che inizierà nel 2010 per tutti»

Continua a leggere

Boom di richieste per il tempo pieno. Non tutte possono essere accettate

Da La Nazione del 17 aprile 2009

bambino-addormentato-sul-quadernoDopo la chiusura delle iscrizioni per le scuole nel febbraio scorso si iniziano a tirare i primi bilanci e a prevedere come cambierà il prossimo anno scolastico. L’incremento maggiore si è registrato nelle iscrizioni alla scuola primaria (+100). Problemi invece sono sorti per le richieste di classi a tempo pieno: un quarto dei nuovi iscritti che ha richiesto il tempo pieno non potrà essere accettato

Continua a leggere

Scuola, niente tempo pieno per 500 bimbi delle elementari

Da La Repubblica del 18 aprile 2009

Su 2.551 nuovi iscritti, 2.171 lo hanno richiesto: solo circa 1.600 ne usufruiranno

torna-il-maestro-unicoFIRENZE – Scuole elementari, mannaia sul tempo pieno. L’assessore comunale all’istruzione Daniela Lastri lancia l’allarme: «A causa della legge Gelmini che ha tagliato 361 insegnanti in tutta la Toscana dal prossimo anno scolastico almeno 500 famiglie fiorentine che iscrivono i loro bambini al primo anno dovranno rinunciare al tempo pieno». Su 2.551 nuovi iscritti, 2.171 ne hanno fatto richiesta: ma solo circa 1.600 potranno usufruirne perché a fronte delle circa 100 classi di tempo pieno necessarie per iscrivere 2.171 bambini, la direzione scolastica regionale ne ha concesse a Firenze solo 77. Una famiglia su quattro dovrà rinunciare al tempo pieno per il proprio figlio e accontentarsi del tempo “normale” (8.30-13), Continua a leggere

Riforma della scuola in Italia: quel che è cambiato e quello che cambierà

Ecco come è stata recepita da alcuni giornalisti stranieri la “riforma Gelmini”…

Da Cope.es

Si reintrodurrà nei primi corsi della scuola primaria la figura del maestro unico

cultura-merceA tutti è arrivata l’eco delle proteste contro i cambiamenti che la scuola italiana deve affrontare per effetto della “riforma Gelmini.” Ma non tutti hanno notato che il nuovo ordinamento della scuola che dovrà impiantarsi da qui fino a funzionare a pieno regime nell’anno scolastico 2014-2015 è anche frutto dei cambiamenti normativi dei governi precedenti il cui sviluppo era stato lasciato fino ad ora da parte.

Continua a leggere

Privatizza et impera

Da Left del 13 marzo 2009

Pantaleo (Flc-Cgil) accusa: «Mai visti tagli di queste proporzioni». «L’unica vera prospettiva di uscita dalla crisi: innovazione e ricerca. Non vogliono promuovere il sapere ma controllarlo». Il 18 marzo tutti i settori della conoscenza incroceranno le braccia contro il governo

funerali-scuolaSe le iscrizioni scolastiche fossero voti, il ministro Gelmini dovrebbe cercare in fretta un altro lavoro. Dai primi risultati diffusi dal ministero sulle preferenze delle famiglie per le iscrizioni nelle scuole primarie arriva un risultato bulgaro, che boccia il maestro unico: solo il 3 per cento delle famiglie ha scelto il modulo di 24 ore, sponsorizzato dal governo, il 7 per cento quello di 27; il 56 per cento delle famiglie ha optato per le 30 ore, il 34 per cento per il tempo pieno di 40 ore. Continua a leggere

Definitivi i Regolamenti Gelmini. Devastanti gli effetti

Da ScuolaOggi

massacro-a-scuola-con-accetta-e-grembiuleCon la firma del Presidente della Repubblica si conclude l’iter procedurale dei primi due Regolamenti attuativi dell’art. 64 della legge 133 che diventano pertanto definitivi. Continua a leggere