Prato supera Milano nella maggiore incidenza di alunni stranieri

Da tuttoscuola.com

alunni-stranieriNel 2006-2007 Milano era il capoluogo con la più alta incidenza di alunni stranieri (14,2%), ma dall’anno scorso questo primato è passato a Prato con il 15,2%.
Mantova si conferma la provincia che nel complesso ha la più alta densità straniera nelle scuola: era del 14% ed è passato al 15,4%.
Continua a leggere

Annunci

La geografia delle regioni più e meno penalizzate dalle riduzioni degli organici

Da tuttoscuola.com del 26 marzo 2009

forbici-insanguinateTrovano una prima conferma nelle agenzie di stampa le riduzioni di personale docente comunicate dai sindacati al termine dell’incontro avuto con il Ministero dell’Istruzione lo scorso 23 marzo.

Dal 1° settembre dovrebbero essere 36.854 i posti di docente in meno. Questa cifra sarebbe contenuta nelle tabelle allegate alla bozza di decreto interministeriale sugli organici, che il ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini dovrebbe firmare in questi giorni, per poi raccogliere la seconda firma del ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, ed essere trasmesso alle direzioni regionali che assieme a regioni ed enti locali dovranno darne applicazione. Continua a leggere

Bambini toscani, tutti all’asilo nido

Da Il Corriere di Prato del 10 marzo 2009

Finanziato 1 milione di euro per le aree meno popolate. Simoncini: “Le stesse opportunità ad ognuno di loro”
E’ la prima regione italiana per tasso di accoglienza dei piccoli da 0 a 3 anni

FIRENZE – Con una percentuale pari al 29,8%, la Toscana sale sul podio come la prima regione italiana per tasso di accoglienza dei bambini da o a 3 anni in asili nido e altri servizi per l’infanzia. Seconda in classifica, l’Emilia Romagna (con il 27%), seguita, anche se a una certa distanza, dall’Umbria (con il 21,8%) e dal Piemonte (con il 20,19%). La media italiana è del 13,8%, ma ci sono regioni dove i bambini che trovano posto al nido sono meno del 2 per cento. Continua a leggere

Scoppia la grana degli organici

Da ItaliaOggi del 3 marzo 2009

nueva_ley_de_educacionÈ stato un tripudio per il modello scolastico lungo. Il maestro unico -nel senso di un insegnante che da solo fa lezione in classe per 24 ore la settimana- non lo vuole quasi nessuno.

Continua a leggere

Il Piano Aprea: ecco come continua la Riforma Gelmini

081009_scuola_vDa Polis-Blog.it

Se avete pensato che l’obbiettivo delle imponenti manifestazioni dello scorso 30 ottobre contro la cosiddetta “riforma Gelmini” fosse convincere il governo a ritirare le norme sul sistema scolastico approvate il giorno precedente, se non addirittura durante l’estate, vi siete sbagliati di grosso.

Per quanto riguarda infatti la scuola dell’obbligo e superiore (l’università fa caso a sé), almeno negli ambienti del sindacato, la battaglia riguardante le norme già approvate viene considerata ormai persa, e ci si sta anzi attivando allo scopo di capire come aggirare, al momento dell’applicazione, le nuove direttive. Il vero obbiettivo delle proteste della settimana appena trascorsa sarebbe in realtà un altro: bloccare l’arrivo di un ulteriore, ben più incisivo pacchetto di riforme, firmato Valentina Aprea.

Continua a leggere