I genitori: e noi paghiamo…

Da Il Tirreno del 16 settembre 2009

84446567«Ci chiedono soldi per tutto». Il caos-scuola visto dalle famiglie

Ha un’aria sconsolata Donato Nolé, genitore di due bambine pratesi: «Ormai la scuola ci chiede tutto: i soldi per la carta, per le fotocopie, per il toner della stampante. Non gli è rimasto che la lavagna e i banchi…». Noie riassume in una fotografia la situazione della scuola nel primo anno della riforma Gelmini: tagli, aumento dei costi, diminuizione della qualità. Questo dicono i genitori, non i politici o i sindacalisti o gli insegnanti. Continua a leggere

Annunci

Tagli a scuola, 1465 prof in meno

Da La Repubblica (Firenze) del 26 marzo 2009

A settembre scolari e studenti aumenteranno di 4.000 unità,
il piano del ministro Gelmini sopprime 1.465 cattedre.
Forti tagli nelle scuole toscane, tempo pieno in bilico

La Toscana si prepara a mobilitarsi contro la scure del governo sulla scuola. Le cifre dei tagli nella bozza allegata al decreto interministeriale appena presentato dal ministro Gelmini a categorie e enti locali.
«Se non faremo subito qualcosa, avremo una scuola in ginocchio» prevede il segretario della Flc Cgil scuola Alessandro Rapezzi. Continua a leggere

Regione Toscana: dati su iscrizioni sconfessano Gelmini

Dall’Agenzia ASCA

Firenze, 2 marzo – ”Le famiglie hanno scelto in maniera netta e inequivocabile e questa scelta equivale a una sconfessione dell’operato e dei provvedimenti del ministro Gelmini”. Cosi’ l’assessore all’istruzione, formazione e lavoro della Regione Toscana Gianfranco Simoncini commenta i primi dati sulle iscrizioni al primo anno delle scuole elementari, che hanno visto prevalere nettamente la scelta di un orario scolastico lungo, di 30 e 40 ore, mentre solo una esigua minoranza si e’ orientata sul tempo corto (di 24 ore).
Continua a leggere

Una famiglia su 3 chiede il tempo pieno

Da La Tecnica della Scuola

Ma il 56% opta per le 30 ore settimanali. Il dato è stato diffuso nel primo pomeriggio della giornata festiva dal Ministero dell’Istruzione. E’ il risultato di un sondaggio effettuato su 900 istituzioni scolastiche di tutta Italia.

Continua a leggere

Sorpresa alla primaria Più feroce il tagliacattedre

Da ItaliaOggi del 3 febbraio 2009

La Gelmini modifica nei regolamenti l’articolazione dei risparmi di spesa

tagli_sanguinariCi saranno più tagli alla scuola elementare nel 2009 rispetto a quanto previsto dal piano programmatico Istruzione-Economia per la riforma della scuola. Probabilmente per sopperire al fatto che il prossimo anno non decollerà la riforma delle superiori, ma i risparmi devono essere sempre gli stessi. Infatti, alla fine del triennio, non cambia il saldo dei tagli da fare alle cattedre (87.400).

Continua a leggere

Rivoluzione nella primaria: arrivano gli spezzoni di posto

da TuttoscuolaFOCUS del 12 gennaio 2009cacca

“In presenza di particolari ed eccezionali esigenze, ove non sia possibile procedere all’aggregazione delle diverse frazioni di orario tra plessi della medesima istituzione scolastica, sono costituiti posti orario, anche per l’insegnamento del sostegno, di consistenza inferiore all’orario settimanale di insegnamento”.
Recita così il comma 7 dell’art. 12 dello schema di regolamento concernente l’organizzazione della rete scolastica ed il razionale ed efficace utilizzo delle risorse umane.

Continua a leggere