La scuola primaria del Meyer rischia la chiusura

Da La Nazione del 27 aprile 2009

Da ormai 13 anni, all’interno dell’ospedale pediatrico Meyer di Firenze, è garantito un servizio di docenza che permette ai bambini ricoverati di studiare e non perdere l’anno scolastico nonostante la degenza. Ora, come affermato dalla segreteria provinciale della Uil, “La scuola primaria ospedaliera del Meyer è a rischio chiusura”

Firenze – Da ormai 13 anni, all’interno dell’ospedale pediatrico Meyer di Firenze, è garantito un servizio di docenza che permette ai bambini ricoverati di studiare e non perdere l’anno scolastico nonostante la degenza. Infatti dal 1996 un docente, in accordo con le scuole di provenienza dei piccoli degenti, svolge un programma didattico per assicurare il continuo dell’attività scolastica. Ora, come affermato dalla segreteria provinciale della Uil, ”La scuola primaria ospedaliera del Meyer è a rischio chiusura”.
Secondo la Uil, la scuola verrebbe soppressa perché l’ insegnante ha ricevuto una notifica urgente, del dirigente dell’Ufficio scolastico provinciale di Firenze, con cui viene assegnato ad altro incarico. Solo nell’anno scolastico 2007/2008, ricorda la Uil, ”gli ordini di scuola al Meyer hanno visto la presenza di 108 studenti di cui 38 della scuola primaria, con un successo scolastico del 98%”. ”La Uil Scuola di Firenze chiede che quanto prospettato non succeda”, e che la struttura scolastica nell’ospedale ”sia maggiormente potenziata e resa piu’ efficiente possibile”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: