Piccoli cedimenti…

commissioneculturaLa Commissione cultura ha dato parere favorevole al piano programmatico ma ha posto alcune condizioni che sono molto significative. Emerge infatti con chiarezza, dal documento, che le nostre preoccupazioni erano fondate, e non erano un allarmismo strumentale, come più volte è stato ripetuto dal nostro premier e dalla maggioranza. A dimostrazione  di ciò il fatto che, molte delle obiezioni mosse alla legge, sono fatte proprie dal documento, eccovi qualche esempio:

 

  • Nella scuola dell’infanzia si chiede che il modello prevalente sia quello che prevede 40 ore con due insegnanti per classe. (evidentemente anche in questo caso era giusto preoccuparsi)
  • Maestro unico solo a richiesta delle famiglie invece che come modello prevalente
  • Maestro unico sarà di fatto prevalente perché affiancato da Inglese e religione
  • Tempo pieno con due docenti per classe
  • Aumento del numero minimo medio di studenti per classe e non il numero medio massimo.

 

Subito qualcuno, giustamente, ha fatto notare che con queste modifiche si rimette in discussione la copertura finanziaria… insomma se questi cambiamenti avevano lo scopo di risparmiare ora dove si tagliano i 7,8 miliardi di euro?

Sicuramente magra la soddisfazione di chi può dire: ve l’avevamo detto…. 😉

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: